Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Schumann, il talento romantico

Il romanticissimo Robert Schumann, noto per la grande fantasia come compositore ma, ahilui, per la scarsa abilità nell'orchestrazione, fu un perfetto coetaneo di Chopin, di cui ebbe in sorte di vivere più a lungo, sebbene di soli 7 anni. Erano nati entrambi nel 1810, proprio come il nostro Camillo Benso conte di Cavour, ma il cuore di Chopin si arrestò nell'autunno del 1849, mentre Schumann scomparve nella piena estate del '56. Quanto a Cavour, beh, come è noto sarebbe morto poco dopo la proclamazione del Regno d'Italia, nel giugno del 1861, a 51 anni come Gustav Mahler (1860-1911), che all'epoca però stava per compiere un anno. Scorribande anagrafiche a parte, negli ultimi 25 anni il lascito sinfonico di Schumann, in tutto 4 opere come Brahms, è oggetto di rivisitazioni particolarmente felici. Fra le più fresche, vivaci ma al contempo attente e meticolosamente preparate va annoverata quella di Philippe Herreweghe con l'Orchestre des Champs Elysées, risalente …

Ultimi post

Preludio, fuga e morte

Lo scomodo Furtwaengler

Sinfonie boreali

Le notti arabe

Come Jansons (ri)costruisce il suo Mahler

Uno Schumann del nuovo millennio

La Finlandia (e la Russia) a Milano

La colonna sonora del Chisciotte

La scelta light di Ivor Bolton

La geniale antipatia di Kissin