Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Nell'Ottocento americano

L'Ottocento americano è un'epoca affascinante: sono gli anni della guerra di secessione, gli anni d'oro della conquista del west e delle interminabili rivalità fra i nativi e i nuovi arrivati. Gli anni di Tex Willer e di Toro seduto. Ebbene, proprio nel torsolo centrale di questo epico "century" si snoda la breve vita di Louis Moreau Gottshalk, nato a New Orléans nel 1829 e scomparso in un albergo Rio de Janeiro nel '69 per le complicanze di una sifilide, o almeno così pare. Virtuoso del piano e concertista infaticabile, ha riassunto nella sua musica per piano lo spirito di un secolo, e di un continente perennemente sospeso fra le aspirazioni colte e l'anima creola che sfocerà nel jazz. Un consiglio? Il disco con una selezione delle opere per pianoforte solo suonate da Noel Lee, uscito per Apex in economica qualche anno fa. Non perdetevi il delizioso Ojos criollosQui linkiamo anche la versione orchestrale del meraviglioso poema sinfonico "A night in …

Ultimi post

Il sereno Bernard

Resurrezione al Regio

La sinfonia del buon Dio

Valery ci riprova

Nel giardino delle impressioni

Tutti Muti, torna Bruckner

Echi e voci dalle radure del passato

Meglio morire e risorgere o non perire mai?

E alla fine c'è la coda

Un Respighi angloamericano